Mohammed

Mohammed - Meknes ( Marocco )
Curiosando nel dedalo di viuzze nella Medina di Meknes, così quasi per caso, mi imbatto in un negozio di antiquariato.   Mohammed, il proprietario, gentilmente mi invita ad entrare.   Un pò in francese e un pò con il poco italiano che conosce iniziamo a conversare. Mi fa vedere il libro delle dediche dove tutti i clienti lasciano un pensiero, una frase di ringraziamento. Lui è molto cortese, da come parla e si muove si capisce che l'arte e la bellezza delle opere create dall'uomo sono la sua passione.   Mi siedo insieme a lui su morbidi cuscini in terra, circondato da pregiati tappeti e mercanzia proveniente da ogni angolo del nord Africa.   La vecchia teiera sul fuoco sbuffa.   Con tutta la sua cortesia e ospitalità marocchina mi invita a bere insieme un te.   Il tempo sembra si sia fermato, incantato da una aurea magica che invade tutta la stanza e sale su, fino a raggiungere gli argenti posti in bellavista sugli scaffali impolverati.   Parliamo di luoghi visitati, persone incontrate, di Meknes la sua città.   A un certo punto Mohammed mi guarda garbatamente e con un po di timidezza mi chiede di fargli un ritratto.